il giorno dopo

Il giorno dopo era domenica ad Aliano.
Dopo i saluti della mattina
dopo il pranzo con la sposa,
con Carmela e Donato,
con i figli e Caterina,
col sindaco e Daniela,
dopo il pranzo sono uscito da solo
a cercare il paese e l’ho trovato
come se la bassa marea della fine del festival
lo avesse scoperto:
ho visto un fondale secco e commovente,
ho fatto cento foto ad una vecchia
e click here poi le mani e gli orologi di tre vecchi su una panchina,
la bombola di gas, il divieto di accesso, un canale storto,
una finestra chiusa a metà coi tubi, i camini e le antenne,
una ringhiera, un vicolo, un passante con la camicia bianca.
Ogni cosa che vedevo era commovente
e mi batteva il cuore e mi batte ancora,
mi batteva veramente
e non è che succede sempre.

armin